NewsSoftware

È necessario un antivirus premium?

Pubblicato il

Dall’alba dei tempi, chiunque utilizzi windows ha sempre avuto bisogno di Software di sicurezza.
E’ una tale necessità, tanto che, quasi tutte le software house che producono programmi Antivirus a pagamento offrono agli utenti versioni light (limitate) gratuitamente.
Chiaramente le versioni a pagamento offrono servizi aggiuntivi ma se un utente è mediamente esperto potrebbe anche optare per una soluzione a costo ZERO!

antivirus-couponAlcuni siti hanno messo a confronto Antivirus a pagamento con quelli gratuiti e si evince che nella stragrande maggioranza dei casi i risultati si equivalgono.
La sostanziale differenza tra i prodotti a pagamento e quelli a costo zero è che quelli Premium hanno la funzione di individuare nuove minacce come ad esempio il riconoscimento di malware su siti infetti.
Per gli antivirus gratuiti molti utenti lamentano rilevazioni esagerate di falsi positivi cosa che non avviene per i prodotti premium, ma questo non è un handicap, infatti, per sapere se realmente un file è infetto o no basta caricare il file sospetto sulla piattaforma http://www.virustotal.com/ per sapere immediatamente se è un vero virus o un falso positivo.
Altra differenza sostanziale tra gratis e premium è l’assistenza telefonica, chiaramente gli antivirus free non ne hanno (cosa limitante per utenza aziendale). Inoltre, non hanno nemmeno la funzione parental control e forse la cosa più odiosa i prodotti gratuiti sono pesantemente pieni di fastidiosa pubblicità.

Gli Antivirus Premium hanno chiaramente più funzionalità come quella del firewall, sono, inoltre, capaci (non tutti però) di individuare i “comportamenti sospetti” di altri software e controllano anche il Web avvisandoci se un sito sia potenzialmente pericoloso.

Quindi quale antivirus scegliere?

In una piccola-media azienda sarebbe meglio una suite completa soprattutto per via del supporto tecnico in caso di emergenza. Le funzioni aggiuntive (firewall e parental control), inoltre, possono essere molto comode e aiutare concretamente a mantenere alta la produttività, anche tenendo lontano gli impiegati da certi siti.

In casa, invece, i genitori probabilmente troveranno interessante la possibilità di controllare, monitorare e limitare le attività online dei figli con gli strumenti di parental control inclusi nelle suite a pagamento.

Per tutte le altre categorie, probabilmente, i prodotti gratuiti sono più che adeguati. Gli aggiornamenti sono puntuali e la scansione è valida quanto quella dei prodotti a pagamento.

Se poi una persona è abbastanza attenta da installare e scaricare un antivirus gratuito, probabilmente, sarà anche un utente più prudente rispetto alla media di quelli che usano un PC, e magari non ha bisogno delle protezioni aggiuntive che troviamo in software che costano diverse decine di euro all’anno. Probabilmente non clicca su link sospetti che arrivano via email, né cade in tranelli tesi con false pubblicità su siti sospetti. Questo tipo di utente, in altre parole, può accontentarsi di un antivirus gratuito senza incorrere in rischi rilevanti magari coadiuvandolo con plug-in per browser come ad-block.

In ultimo, ricordiamo che  tutte le funzioni aggiuntive dei prodotti a pagamento si possono ottenere con singoli software gratuiti. Usarli insieme è possibile, ma può essere complesso far interagire tutto in maniera ottimale.

In conclusione, se si sceglie un antivirus gratuito non si rinuncia all’essenza della protezione ma a un buon numero di funzioni aggiuntive e alla comodità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *